HYPE, IL NUOVO SINGOLO DI LIL FEAR

0

Distribuito da Emergency TS Music, Hype è disponibile su tutte le piattaforme digitali.

La Musica è un posto dove posso scappare quando sto male, quando sono arrabbiato, dove posso condividere i miei momenti belli.

Il titolo del brano è presente sin all’inizio del ritornello ed è messo in luce dall’artista perché è proprio fare “hype” ciò su cui si è concentrato maggiormente negli ultimi anni, con l’obiettivo di tornare all’interno della scena musicale in maniera forte dopo un lungo periodo di pausa.
“Hype” è un brano molto introspettivo, all’interno del quale il cantante confessa i suoi più profondi pensieri riguardo a sé stesso, riflettendo sia sulla sua persona sia sui suoi amici più stretti. Il rapper si dichiara esplicitamente stanco della situazione in cui vive, perché non è disposto ad accettare nessuna altra strada da percorrere se non quella inerente all’ambito musicale. Insiste particolarmente sul profondo legame che lo lega alla musica, accennando molto vagamente al periodo della sua vita passato per strada; nonostante il trapper sostenga di essere ancora riluttante a parlare di questo argomento all’interno dei suoi testi, dimostra un tentativo di apertura a questo argomento per rafforzare la sua street credibility.
Durante la canzone il cantante cita il famoso proverbio “Il lupo perde il pelo ma non il vizio”, frase utilizzata per riferirsi alla sua situazione personale.

Il testo di HYPE:

Io mi chiedo come mai
Io non riesco a stare hype
Sento mamma che mi chiama
Torno a casa con la grana
Lei mi chiede come mai
Tu là fuori cosa fai
Io rispondo sta tranquilla è per domani già lo sai

Io scrivo piangendo
Lacrime scendono mentre penso a come fare
pensando alla musica come piano principale
Non è facile andare ma non voglio rinunciare
Dopo tutti ‘sti anni qualcosa lo devo dimostrare

Ed eccomi qui
Assieme alle skill
Che mi porto dietro
Da quando son bimbo
E tu vieni qui
Attacca quel beef
Che ora c’ho fame
Sto fuori dal bando

Ed è già tanto se sto uscendo

Tre, quattro bambini comprano un extendo
Ora sta nascosto in bando
Cosa vuole che ci faccia
Sono figli della mala
Sono stato in silenzio
E non sa che cosa ho visto
Chi non è stato in silenzio
Giuro che non l’ho più rivisto

Io mi chiedo come mai
Io non riesco a stare hype
Sento mamma che mi chiama
Torno a casa con la grana
Lei mi chiede come mai
Tu là fuori cosa fai
Io rispondo sta tranquilla è per domani già lo sai

Di nuovo nel bando
Quiere che lo intente
Quiere che lo intente

Basta fare i gansta
Stai bene su snap a fare i fuochetti
Mi son preparato
È tempo del lancio
Non voglio tornare
Nemmeno parlare

Non sai cosa sento
Quello che non pensi
Se lo pensi attento
Io non mi ci metto
Perché non ho tempo
Ma nemmeno scazzi
Se vuoi fare il serio
Parliamo nel bando
Solo per affari
Se tu non mi frutti
Non devi guardarmi
Il tempo è denaro

Io voglio ingrandire la maison
Se sarò sempre io non lo so
Il lupo perde il pelo non il vizio
Non cambia se non l’hai mai visto

Io mi chiedo come mai io non riesco a stare hype
Sento mamma che mi chiama torno a casa con la grana
Lei mi chiede come mai tu la fuori cosa fai
Io rispondo sta tranquilla è per domani già lo sai

author avatar
Fabio Fanelli
Una cosa che adoro del mio lavoro, è l'importanza che si deve dare al servizio offerto. Meno spazio alle classifiche di chi ha più follower, più mi piace, più visualizzazioni, l'informazione è una cosa seria. La capacità di dialogo, di interazione e di corretto utilizzo delle varie piattaforme sono il segnale che la rivoluzione del mestiere del giornalista è in corso.
Fabio Fanelli
WRITTEN BY

Fabio Fanelli

Una cosa che adoro del mio lavoro, è l'importanza che si deve dare al servizio offerto. Meno spazio alle classifiche di chi ha più follower, più mi piace, più visualizzazioni, l'informazione è una cosa seria. La capacità di dialogo, di interazione e di corretto utilizzo delle varie piattaforme sono il segnale che la rivoluzione del mestiere del giornalista è in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *